Lo squalo vince la Tre Golfi

Una regata strana con salti di vento, bonaccia, pioggia che ha permesso alle barche più piccole di essere competitive e, come nel caso di Globulo Rosso, di vincere. La grinta dell’Este 31 dello Yacht Club Gaeta comincia a prua con la bocca di uno squalo che morde il mare e si estende all’equipaggio composto dall’armatore Alessandro Burzi con Pierfrancesco Di Paola, Leonardo Di Paola, Nello Tagliafierro, Gianni Pezzullo, Gianluca Reale, Roberto Conetta.

“Per noi il “pallino” della Tre Golfi iniziò 15 anni fa alla 50^ edizione, quando per la prima volta nell’elenco iscritti comparve il nome “Globulo Rosso”, un Mescal 818. – racconta l’amatore – In molti dalle banchine del Borgo Marinai, guardavano tra lo scettico e lo stupito… uno scugnizzo ci urlò dal suo gozzetto “ma vuje facite a Tre Golfi cu’stu barchino”? Allora molti dei globuli oggi “senatori” erano poco più che ventenni e la Regata dei Tre Golfi era una festa con l’unico obiettivo di finirla! Oggi, dopo tante avventure, quella regata l’abbiamo vinta in overall, inserendo il nome di Globulo Rosso nella storia dello yachting napoletano, nella storia dell’Altura italiana. Per noi è il coronamento di un sogno, un momento di grande gioia e commozione”.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.